PostModernissimo

Categoria: Branding / Comunicazione
cliente: Post Modernissimo

Siamo orgogliosi di presentare il progetto della identità visiva del "PostModernissimo", il cinema che risorge dopo 14 anni dalle ceneri del vecchio "Modernissimo". Il lavoro di progettazione pone le sue basi di ricerca nelle correnti artistiche del Costruttivismo e del Suprematismo Russo, riprendendo dal primo i concetti di fomazione e arte finalizzata a scopi sociali, e dal secondo le geometrie fondamentali dell'arte astratta. Espliciti e dichiarati, dunque, i riferimenti a Kazimir Malevič, pioniere del Suprematismo e dell'astrattismo geometrico, e ad Aleksandr Rodčenko, pioniere del movimento costruttivista e fotografo rivoluzionario (fu il primo a sperimentare inquadrature insolite, isolando e mettendo in risalto i più semplici elementi grafici, linee, cerchi, curve). Proprio le tre forme geometriche fondamentali, cerchio, triangolo e quadrato (e i relativi colori primari), concorrono alla creazione di un segno aperto che si libera da ogni connotazioe araldica e diventa un potente strumento di comunicazione e di identità visiva. Le tre forme geometriche fondamentali rappresentano la base strutturale del sistema di identità visiva e, al tempo stesso, aprono la strada a infinite possibilità di sviluppo della stessa, fino a un alfabeto proprio. Il sistema di Identità visiva quindi, si configura come un frame in divenire, flessibile e adattabile, in continuo aggiornamento. Di seguito alcuni esempi di come questo linguaggio dei segni può essere declinato (illustrazioni, personalizzazioni ecc.)

Branding / Comunicazione
PostModernissimo

PostModernissimo

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione

Branding / Comunicazione